+

Contatti

Il Bed & Breakfast Stella del Golfo è in strada vicinale Marchetto al civico 20/a, Sassari.

Si consiglia il contatto telefonico per ottenere tutte le informazioni e verificare la disponibilità di alloggio ai numeri:

email: info@stelladelgolfo.it

SCOPRI I DINTORNI DI STELLA DEL GOLFO

Il B&B Stella del Golfo è situato in una posizione strategica da cui possono raggiungere in poche decine di minuti tutte le località più rinomate della Sardegna, attraverso la vicina S.S. 131.
Tra le mete più vicine si possono ricordare la deliziosa spiaggia di Balai e quella di Platamona, composta da sabbia bianca e conchiglie portate dalle correnti marine.

A seguire alcuni suggerimenti per la tua vacanza.

DESTINAZIONI IN EVIDENZA

L'ISOLA DELL'ASINARA

Un'oasi in mezzo al mare, perfetta per chi è alla ricerca di panorami memorabili e spiagge incantevoli.

Come raggiungerla
Le escursioni si possono organizzare con partenza da Stintino (traversata più breve) o da Porto Torres.
La fauna e il Parco dell'Asinara
L'isola non manca di regalare incontri con la fauna locale: gli osservatori più attenti potranno infatti notare capre selvatiche che saltano agilmente sugli speroni di roccia e, con un po' di fortuna, i mufloni che si stagliano sul granito.
Un'altra presenza abituale un po' ovunque sull'isola è il piccolo asinello bianco, diventato ormai specie tipica dell'Asinara.

Gli amanti della natura non potranno che fare tappa a Fornelli e salire a bordo del "trenino ecologico" per trovarsi subito circondati dagli asinelli albini, sparsi un po' dappertutto e sempre indecisi tra accettare una carezza o ragliarvi contro per farvi sentire degli intrusi.
Agli appassionati di birdwatching si consiglia di salire lungo la strada che percorre il cuore dell'isola per incontrare famiglie di pernici, qualche falco pellegrino e il più raro falco pescatore, o gli eleganti "cavalieri d'Italia", dalle lunghe zampe rosse e il becco aguzzo.
Al Parco dell'Asinara è inoltre possibile fare pescaturismo e immersioni: per maggiori informazioni è possibile visitare il sito del Parco dell'Asinara
Cala d'Oliva e l'antico carcere
Per concludere l'esperienza si consiglia la visita al borgo di Cala d'Oliva, altra struttura carceraria denominata Diramazione Centrale trasformata in Centro di Educazione Ambientale: le antiche celle formano un quadrato intorno al vasto cortile, tutto imbiancato a calce, abbagliante sotto il sole pomeridiano, uno scenario che ricorda il film Papillon, dove gli ospiti dei corsi di studio e ricerca possono fare la singolare esperienza di dormire nei letti a castello un tempo occupati dai condannati a lunghe pene.
La differenza non da poco è che adesso le pesanti porte con spioncino si chiudono – e soprattutto si riaprono – dall'interno, e nessuna guardia vi sveglia all'alba per la "conta".
Dei tanti carcerati che scoprirono un'anima d'artista, restano esposte alcune sculture in pietra e soprattutto in legno, intagliato finemente con la pazienza di chi aveva molto, molto tempo a disposizione.

STINTINO

Una delle località turistiche più rinomate a livello internazionale.

La storia
Fu fondato alla fine del secolo scorso dai pescatori e pastori che furono costretti ad abbandonare l'isola dell'Asinara, trasformata in colonia penale.
Due profonde insenature formano i suo porticcioli sempre affollati di imbarcazioni; graziose le semplici casette intonacate del borgo antico.
Da non perdere
A nord del paese si apre l'incantevole panorama della Rada dei Fornelli, chiusa dalle rupi di Capo Falcone e dalla grande isola Asinara; si individuano facilmente l'ampia e piatta isola Piana e l'isoletta della torre Pelosa, con una grande torre Aragonese; la splendida visuale è arricchita dagli indescrivibili colori del mare lungo la spiaggia della Pelosa, dalla sabbia candida e fine.

L'ARGENTIERA

Situata nella splendida omonima cala, dove sorge l'antico centro minerario (attualmente in fase di ristrutturazione ad uso turistico) con i caratteristici edifici in muratura e legno.

ALGHERO E DINTORNI

Comune con un territorio ricco di testimonianze storico-archeologiche tra le più importanti del mediterraneo, collocato sul mare e al mare deve il suo nome.

La storia
Le sue origini risalgono secondo la tradizione all'inizio del secolo XII quando fu fondata dalla nobile famiglia genovese dei Doria. Conquistata in seguito dai Catalano-Aragonesi, ancora oggi ne conserva la parlata e le tradizioni.
Da non perdere
Città fortificata da possenti torri e mura cinquecentesche, è collocata in un contesto ambientale di grande pregio che comprende il Parco naturale di Porto Conte e la Riserva Marina di Capo Caccia – isola Piana.
Il centro storico, con le sue architetture, i suoi suggestivi vicoli, si presenta come un piccolo gioiello incastonato nella terra di Sardegna.

CASTELSARDO

Il terzo borgo più bello d'Italia è una perla medioevale da scoprire nel Golfo dell'Asinara.

La storia
Il borgo risale all'inizio del secolo XII sotto la guida della nobile famiglia genovese dei Doria. Si sviluppa su un promontorio a ridosso del mare che lo ha protetto dagli attacchi nell'arco dei secoli portandolo a noi nella sua veste antica e inalterata.
Cosa visitare nel borgo
Si consiglia di iniziare la visita con una tappa al Castello dei Doria, nella cui parte più elevata è possibile osservare dall'alto l'intero borgo oltre a godersi una veduta indimenticabile spingendo lo sguardo a decine di chilometri di distanza; all'interno del Castello è ospitato il Museo dell’Intreccio Mediterraneo,con esposizioni dedicate all’artigianato locale e ai manufatti realizzati intrecciando fibre vegetali provenienti dalla stessa Sardegna.
I visitatori potranno inoltre visitare la Cattedrale di Sant’Antonio Abate e passeggiare nei vicoli del centro storico, dove si possono incontrare artigiani locali intenti a realizzare le loro opere.
La Roccia dell'elefante
Nelle vicinanze di Castelsardo è possibile visitare la Roccia dell'elefante, un grosso masso di trachite situato a lato della strada statale 134 dell'Anglona dalla forma decisamente riconoscibile.

ATTRAZIONI PER TUTTO L'ANNO

MANIFESTAZIONI, MONUMENTI E MUSEI DA VISITARE

Stella del Golfo si trova inoltre a breve distanza dal centro città dove si susseguono per tutta l'estate importanti appuntamenti turistici.

La cavalcata Sarda (eventi di maggio)
La cavalcata Sarda, in calendario ogni anno a maggio, è una delle manifestazioni più attese nel panorama dei grandi eventi identitari della Sardegna. Per l'occasione le strade risuonano di musiche antiche mentre uomini, donne e bambini in costumi tradizionali regalano allo spettatore un viaggio nel tempo nei secoli passati.
Guarda le foto della cavalcata sarda sul sito della Regione
La sfilata dei candelieri (eventi di agosto)
Il 14 agosto è tempo della sfilata dei candelieri. Di antica importazione pisana, la “Faradda di li Candareri” è la festa più sentita dai sassaresi che non a caso la definiscono “Festha Manna” (grande festa).
Vari eventi precedono il culmine della manifestazione durante la quale i candelieri, grandi colonne di legno, vengono portati in sfilata lungo le vie cittadine.
I dettagli della manifestazione sul sito della Regione
Fontana di Rosello (tutto l'anno)
Da non perdere la Fontana di Rosello in Corso Trinità, simbolo e monumento storico di Sassari. Per maggiori informazioni si può contattare l'infopoint al numero 0792-008072
Maggiori dettagli sul sito Sardegna Cultura
Museo Nazionale “Giovanni Antonio Sanna” (tutto l'anno)
Da non perdere lTra i luoghi da visitare si segnala inoltre il Museo Nazionale “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari è la principale istituzione museale della Sardegna centro-settentrionale per dimensioni e importanza scientifica delle sue raccolte, nonché un importante riferimento culturale per il nord dell’Isola.
Visita il sito del museo Sanna
Altre attrazioni da non perdere (tutto l'anno)
A Sassari è possibile visitare vari musei tematici, oltre a numerose Basiliche e Chiese.
Se sei alla ricerca di spunti per la tua vacanza, consulta la lista dei monumenti e attività consigliate su TripAdvisor